Raccolta di cortometraggi gay su YouTube

YouTube è una miniera di GTM difficili da trovare, sia lungometraggi che cortometraggi. Spesso, però, la qualità non è molto buona, e lo dico sia in termini di valore che di densità di pixel.

Tuttavia, ci sono alcune gemme.

Mi piace questa GTS dalla Svezia (si chiama Mulinello su IMDb) più di quanto mi piacciano la maggior parte delle storie d'amore adolescenziali gay che mi ritrovo a guardare, soprattutto perché non è incentrato sulla politica dell'identità gay o sul coming out. Questi due giovani skater si amano, sono in grado di esprimerlo fisicamente e questo è tutto ciò che conta. Potranno o meno diventare adulti gay o bisessuali, e anche questo non ha importanza. Ciò che conta sono i sentimenti che si provano il giorno prima che uno di loro debba partire, per un periodo che sembra eterno.

Sebbene l'aspetto del film, in particolare la sua palette di colori tenui, si adatti bene alla narrazione, il regista Jens Choong fa un paio di strane scelte formali. Ad esempio, non credo che un cortometraggio di 13 minuti abbia bisogno di flashback che sottolineino quanto i ragazzi si siano divertiti durante la giornata insieme. Non so perché l'audio si sia interrotto, o si sia abbassato, durante una scena in cui i ragazzi vengono inseguiti dai poliziotti fuori da un magazzino abbandonato.

Il film si apre con un flash forward: uno dei ragazzi si china per baciare il suo amico addormentato; ci arriva quasi, ma l'inquadratura passa al presente e questo crea effettivamente delle aspettative e della suspense, alcune delle quali legate al genere. Mi interessa sapere se chi guarda questo film ha avuto la sensazione che il bacio sarebbe stato poi rifiutato, come è successo a me. Credo di essere un cinico.

Mulinello (Viktor e Robert)
Diretto da Jens Choong
13 min, Svezia, 2013

 


 

Quasi identico nell'impostazione narrativa, ma diverso nello stile, Silver Road di Bill Taylor vanta una solida recitazione da parte dei due protagonisti, anche se la grande svolta drammatica del film non sembra del tutto plausibile. Inoltre, la metafora del titolo non è stata sfruttata al massimo del suo potenziale espressivo.

Tuttavia, i due protagonisti condividono un rapporto genuino e il ragazzo apparentemente etero di questa coppia uomo-maschio reagisce alla dichiarazione d'amore del suo amico con compassione e più di un po' d'amore.

Strada d'argento
Diretto da Bill Taylor
USA, 13 min, 2006

 


 

Ecco un altro cortometraggio con una premessa quasi identica ai due precedenti: due migliori amici del liceo che si preparano a partire per college diversi. Uno è gay, l'altro usa in modo dispregiativo la parola gay in contesti inappropriati. Girato in un bianco e nero fuori moda da Cate Smierciak, ho apprezzato soprattutto i dialoghi (scritti dal produttore/regista Erik Gernand), in particolare quando Josh fa coming out con il suo amico, di cui potrebbe essere innamorato, non dichiarando il suo amore, ma assicurandosi che l'amico capisca il danno personale che subisce quando Alex usa parole come frocio, gay e finocchio nel contesto sbagliato. È una scena forte e le dinamiche di questa particolare amicizia si svolgono in modo convincente.

"Mi dà molto fastidio", dice Josh. Alex si scusa facilmente, ma Josh non se la beve.

"Hai capito?"

"Sì!"

"No, non credo che tu lo sappia".

"Lo so".

"Hai... capito?" Con quella pausa e quell'inflessione, Josh chiarisce cosa sta cercando di dire.

"Sì". Alex dice, e noi possiamo credere insieme a Josh che sia così.

Il cortometraggio si conclude con una nota agrodolce, con una ripresa e un taglio classici, mentre Josh fa pace con chi era con Alex e chi sarà senza di lui. Joe Sinopoli interpreta bene il ruolo di Josh di Chicago e l'ultima inquadratura selettiva del film è perfetta.

Canzone non d'amore
Diretto da Erik Gerand
USA, 9 min, 2009

 


 

Infine, ecco un cortometraggio gay che non segue lo schema narrativo dei primi tre, anche se presenta un amore non corrisposto. Agua è un'esplosione di freschezza stilistica dal Messico, almeno nel contesto della maggior parte dei cortometraggi che ho esaminato per questo post. La trama è un po' banale, ma il film si presenta in modo eccellente, con numerosi tagli comici e un protagonista buffo e simpatico.

Clicca qui per scaricarlo gratuitamente su Vimeo.

Agua (Acqua)
Diretto da Ricardo Esparragoza
Messico, 12 min, 2014

 

Poscritto: Non ci vuole una persona particolarmente attenta per notare che i primi tre cortometraggi qui sopra, e in effetti tutti i cortometraggi simili che ho trovato su YouTube, hanno solo attori bianchi. Deprimente, ma confermabile.

  • Potrei sostenere che anche "Agua" abbia un cast interamente bianco. Ricorda, il latino non è una razza. Certo, sono attori messicani, ma sono attori messicani bianchi. Tanto per dire. Il cinema messicano ha una storia travagliata con il colorismo: la maggior parte delle nostre 'stelle del cinema' sono dolorosamente bianche, mentre la maggior parte del pubblico non lo è.

    PS. "Non-love song" è il mio cortometraggio preferito di tutti i tempi. FATTO. Lo rivedo almeno due volte all'anno. Ed è disponibile su Vimeo in una qualità molto migliore rispetto a YouTube.

    • Hi Chucho. You’re right, of course, about Latino not being a race.

      I should have been more precise. What I wanted to point out was that all the English-language, US-made shorts I looked at on YouTube ? about 50 that day, I’d say ? and all of the European ones, I believe, featured all-white casts, and more specifically, all-white couples. By the end of my marathon, I was feeling more than a little disillusioned.

      I’m not sure why I considered Agua some sort of counter-example. (I don’t even quite remember if that’s what I meant; I did tack it on at the last minute.) Perhaps it was, as you say, the mistake gringos sometimes make in considering Latinx a race, which I don’t when I take even a moment to reflect on it. Perhaps it’s because I was much more attracted to the dudes in Agua than to the dudes in the other shorts. Perhaps it was because it’s Spanish-language or because I found it more expressive than the others? I dunno.

      Regardless, thanks for the heads-up about the better quality version of Non-Love-Song on Vimeo. I don’t like it as much as you do ? Fiesco’s David is probably my favorite gay-themed short ? but I do like it a lot.

      • In realtà, "David" era il mio cortometraggio preferito di tutti i tempi (a tema LGBT o meno), finché non ho visto "Non-love-song", hehe. Ora è #2. Non ho una lunga lista di cortometraggi preferiti, che cambia continuamente, ma #1 e #2 sono sempre gli stessi da qualche anno.

  • >

    Volete altri film gay?

    Chiudi

    C'è una vendita! SALDI! Saldi!

    IT