Provate questi: sesso gayromanticismotruffatori

recensione del film: Sopra le tue città crescerà l'erba

Molti documentari raccontano piuttosto che mostrare. Preferisco che mi venga mostrato e che mi faccia un'idea mia.

Ci vuole molta più disciplina per lasciarsi andare che per cercare di controllare il corso di ogni interpretazione: a me sembra panico. Credo che sia questo il motivo per cui ci sono così pochi critici validi: non c'è disciplina.

Sophie Fiennes Sulle vostre città crescerà l'erba ha disciplina. Anche se viene commercializzato e discusso come un documentario, tenta una sorta di critica artistica attraverso il cinema, e le parti che funzionano, funzionano meravigliosamente.

Funziona perché il critico regista chiude quella cazzo di bocca. Invece, quello che ci viene presentato è l'occhio del critico sotto forma di una telecamera che scivola sopra e osserva l'enorme e vasta installazione scultorea e artistica con un villaggio in decadenza completo di catacombe creato da Anselm Kiefer nella zona francese conosciuta come Barjac.

Non sapevo nulla di Kiefer prima di vedere Oltre il vostro Cites. Nonostante l'inserimento del link a Wikipedia, se non conoscete già nulla di lui e del suo lavoro, il mio consiglio è di non cliccare sul link per arrivare all'opera il più freschi possibile.

Un modo per capire che un critico ha fatto il suo lavoro è se il mio interesse per l'artista o l'arte in questione continua anche dopo aver letto la recensione. Parte del lavoro di un critico è quello di iniziare il processo di impegno, non di concluderlo o di diventare la sua ultima parola.

Per me Fiennes ha fatto il suo lavoro. Ho rivisto il film tre volte e i lunghi passaggi in cui non c'è altro che inquadratura sono stati ripetuti anche più spesso. Ho fatto ricerche. Ho letto le recensioni. Ho riflettuto molto. Ho interrogato ciò che ho visto. Ho ascoltato il commento del regista.

Voglio andare a Barjac.

In un recensione atipicamente sprovveduta - Ehi, tutti li scrivono di tanto in tanto - il critico cinematografico del NYT Manohla Dargis si lamenta che:

... perché [la regista Sophie Fiennes] non vuole o non può affrontare le complessità dell'arte e le discussioni che da tempo la circondano (che riguardano, ad esempio, l'appropriazione di immagini naziste da parte di Kiefer), abbraccia un silenzio che tuttavia richiama clamorosamente l'attenzione su di sé attraverso la fotografia e alcune delle stesse musiche usate da Stanley Kubrick in "2001". È un peccato che, scivolando attraverso questi spazi devastati e schivando il tempo e i suoi traumi, abbracci il ruolo di turista piuttosto che quello di partecipante vigoroso e interrogativo che l'opera di Kiefer sollecita e richiede.

Dargis preferisce ascoltare interpretazioni e certezze, credo. Non io.

Vuole che le sue domande trovino risposta. Anch'io, ma non necessariamente tutte insieme e non da parte di Fiennes e tanto meno dell'artista stesso.

Per esempio, mi ha incuriosito scoprire che gli uomini, presumibilmente algerini, che aiutano Kiefer a costruire le sue rovine sono artisti a tutti gli effetti. Fiennes non offre alcun commento sulla loro presenza durante il film. L'ho interpretato non come un'omissione, ma come una provocazione.

Infine, Fiennes pone delle domande e, alla fine, la domanda più importante di tutte:

Cosa vedi?

Guarda la pagina di Anselm Kiefer su Artsty.

4 1 voto
Valutazione dei post
Iscriviti
Notifica di
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
0
Cosa ne pensi?x

Volete altri film gay?

Chiudi

C'è una vendita! SALDI! Saldi!

IT