Note sul film: Piccoli giganti

Mi è piaciuto molto questo film canadese post-gay, interpretato da un meraviglioso Josh Wiggins nei panni del dubbioso Franky e da Kyle MacLachlan nei panni del suo nuovo padre gay.

Riassunto di Google, con un mio commento:

Franky Winter e Ballas Kohl sono migliori amici fin dall'infanzia. Sono i reali del liceo: belli, stelle della squadra di nuoto e popolari con le ragazze. Vivono una vita adolescenziale perfetta, fino alla sera dell'epica festa per il 17° compleanno di Franky, quando Franky e Ballas sono coinvolti in un incidente inaspettato. [un pompino sotto le coperte e probabilmente un po' di sesso]. che cambia le loro vite per sempre.

Poster dei Piccoli Giganti

Quando mi piace un film più o meno convenzionale come quello che ho apprezzato io Keith Behrman's Piccoli gigantiLo guardo di nuovo per essere sicuro di essere nel giusto, non solo perché voglio raddoppiare il piacere o ripetere una grande esperienza.

No, lo guardo di nuovo perché sono sospettoso.

Non sono abituata ad apprezzare qualcosa che si digerisce così facilmente. I film non sono cibo per me. Per certi versi sono come andare in chiesa per le persone religiose. (Sarà anche per questo che quando il sermone è brutto, noioso o offensivo, me ne vado). Mi chiedo quindi se non stia ignorando i miei tasti che vengono schiacciati e quindi non pensi in modo critico. Come scrittore di film, tendo a essere cauto.

Sono stato ingannato? Sono un idiota perché mi piace?

Altri film per i quali ho provato questa sensazione sono stati: Attacca il blocco, Bagnino, Aumenta il volume, e I filosofi, conosciuto ingannevolmente anche dopo la sua uscita nelle sale, se mai ne ha avuta una, come Dopo il buio. Quest'ultimo è decisamente meno convenzionale degli altri e più o meno un film d'arte, anche se apparentemente universalmente incompreso.

Per quanto mi riguarda, sono tutte opere d'arte di qualità. Ma sono anche in gran parte privi di sarcasmo e condiscendenza, il che è un sollievo e, di questi tempi, un atto di resistenza.

Cos'è un film d'arte?

Mi è sempre piaciuto Jim Emerson definizione: Un film d'autore ti insegna come guardarlo. Mentre sappiamo già come guardare un film di genere o un film convenzionale, a cosa prestare attenzione e come, un film d'arte fornisce meno appigli familiari.

Ora considero tutti questi film tra i miei preferiti senza ripensamenti. Attacca il blocco è un capolavoro pop.

Piccoli gigantiLa forma segue fedelmente il dramma del coming out liceale, con alcuni importanti e voluti accorgimenti fuori dalle righe. Ma è proprio all'interno di questa forma e nella sapiente esecuzione delle sue convenzioni che il film supera qualsiasi altro film di genere simile che mi viene in mente, a parte Bo Burnham Ottava classeche riesce a rendere muti tutti gli altri drammi adolescenziali liceali come propaganda per adulti. GLO è un film molto migliore di Love SimonIl solipsismo del personaggio di quel film, ad esempio, si riflette perfettamente nelle mosse ruffiane della trama.

Il meccanicistico e goffo (e inoffensivamente manipolativo) terzo atto di Love Simon contrasta con le continue piccole sorprese che si susseguono in tutto il mondo Piccoli giganti. Il film sventa qualsiasi aspettativa di conclusioni o risoluzioni banali: un approccio non binario, se mai ne ho visto uno. Una battuta del Ray Winter di Kyle Maclachlan, il padre gay che si rivolge al figlio Franky, il protagonista dubbioso, racchiude senza sforzo una delle idee centrali del film:

"Ti consiglio di prestare attenzione a chi ti attrae e di non preoccuparti di come chiamarlo a questo punto".

Maclachlan pronuncia questa battuta, che sulla pagina si legge in modo drastico, con un sottile calore e compassione. Questa conversazione avviene verso la fine del film, quando le aspettative del genere richiedono una riconciliazione. Ma sono i dettagli che ci hanno portato qui e il contenuto stesso della conversazione padre-figlio a distinguere la traiettoria di GLO.

Franky si ritrova da solo in uno scatto che puoi vedere come immagine principale di questo post. Sembra soddisfatto, quasi gioioso, piuttosto che compiaciuto.

Come uno stoico, si riconcilia con se stesso e solo incidentalmente con le persone che lo circondano. Non ha eliminato tutti i suoi ostacoli (il suo migliore amico Ballas, che quella notte gli ha succhiato il cazzo da ubriaco e poi lo ha tradito, non gli parla ancora), ma ha risposto ai suoi obblighi verso se stesso e ai suoi valori restituendo la bicicletta che aveva rubato a Ballas e la collana con la piastrina.

Come molti degli oggetti di scena del film, la collana non rappresenta chiaramente una cosa sola, anche se è suggestiva. Il modo in cui ogni singolo spettatore potrebbe vederla dipende dall'angolazione in cui la guarda.

Ballas perde la collana all'inizio del film, nella stanza in cui Franky e Ballas hanno avuto il loro incontro sessuale. Alla fine la madre di Franky la trova e gliela consegna. A questo punto lui e Ballas si sono allontanati, avendo Ballas travisato ciò che è successo tra loro alla sua ragazza e alla scuola in generale; così Franky la nasconde a Ballas fino al momento mostrato nella foto qui sopra. L'ha lasciata appesa al manubrio della bicicletta di Ballas, che l'ha trattenuta per gran parte del film, per vendicarsi del fatto che Ballas ha distrutto la bicicletta di Franky.

Cosa ci sta restituendo con questi oggetti? Cosa sta dicendo? Sta dicendo che amerà Ballas per sempre?

Forse è una delle cose che sta dicendo. Dato che la collana è stata originariamente regalata a Ballas dalla sua ragazza, forse Franky sta ricordando a Ballas i suoi obblighi o forse ciò che rischia di perdere. Forse l'iscrizione della piastrina è una domanda o una sfida.

Ci sono alcuni altri scambi di oggetti, corpi ed esperienze nel corso del film, che richiedono, presagiscono o avviano connessioni e transizioni, cambiamenti di stato; e il film ne è pieno. Lo scambio della bicicletta e della collana è solo uno di questi. Forse rappresentano oggetti cari lasciati alle spalle o trasformati quando si cresce.

Le esilaranti scene tra Franky e il suo amico Mouse presentano due versioni di un fallo nascosto. In una scena, Franky interroga Mouse sul suo rigonfiamento. In una scena successiva, dopo aver chiesto a Franky di valutare il suo strap-on, gli chiede di condividere con lei il suo rigonfiamento e il suo pene, come una sorta di dimostrazione pratica del corpo maschile e una piccola lezione sulla natura cieca delle risposte fisiche.

Coglie anche l'occasione per valutarlo:

  • Sembra più piccolo di quanto mi aspettassi.
  • Ok, Franky, ho bisogno di toccare la tua cosa.

Il giovane attore Josh Wiggins è particolarmente bravo in questa scena: il suo personaggio si sforza di essere di supporto al suo amico Mouse, di andare davvero oltre. La sua interpretazione in tutto il film, qui e nelle scene con il padre di Franky, è così attenta, dettagliata e autentica che mi sorprenderà vedere un'interpretazione più impressionante quest'anno.

Questi scambi e incontri con gli oggetti facilitano la grazia e l'eleganza della struttura narrativa del film, che, se tracciata, sembrerebbe una serie di percorsi ad anello collegati da ponti. In questa scena, si tratta di un fallo: un calzino in una scena, uno strap-on in un'altra. Non è difficile immaginare che Mouse stia prendendo in giro Franky, che ha dichiarato almeno tre volte: "Non sono gay!", eppure nella conversazione aperta con suo padre è chiaro che non ne è del tutto sicuro.

Ballas regala a Franky una pistola lanciarazzi per il suo compleanno. I due sparano mentre girano ubriachi in bicicletta per il quartiere. Più tardi, la mattina presto, sotto le coperte, si spara qualcos'altro.

Nella scena finale del film, Franky spara il bengala da solo, anche se due persone importanti della sua vita lo vedono, sia Ballas che la sorella di Ballas, Natasha, con cui Franky ha una relazione.

  • Ballas in piscina - Ancora da Piccoli giganti

La risposta di Ballas, mentre si immerge in una piscina, arriva subito dopo aver scoperto il ritorno della sua bicicletta e della sua collana.

È ambivalente e turbato come lo era nel corridoio della scuola quando Franky lo affronta, dandogli l'opportunità di confessare, di fare, dire, qualcosa, qualsiasi cosa.

Questa interazione avviene dopo l'inquietante penultima scena in cui un Ballas ubriaco prende a calci Franky.

Questa scena si svolge nel parcheggio del negozio. Fa eco a una scena precedente, anch'essa violenta e caratterizzata da un linguaggio e un comportamento omofobo.

Nella scena precedente, un gruppo di stronzi ubriachi in auto ridicolizza Ballas e Franky. Li chiamano "fidanzati". Il confronto diventa un momento di unione per i ragazzi che si oppongono al comportamento prepotente degli stronzi. I ragazzi inondano gli stronzi con i loro Slurpees.

Ballas prende a pugni due di loro e sbatte la portiera dell'auto su un altro. Poi i ragazzi salgono sulle biciclette e scappano. Più tardi, si ritrovano insieme sotto le coperte, ansimando sommessamente, quasi come se questo scontro avesse insinuato una suggestione nelle loro menti.

Due importanti domande precedono la violenza tra Ballas e Franky, entrambe poste da Franky:

  • "Che cazzo di problema hai? Di cosa hai paura?"
  • Il primo pugno tirato.
  • "Ballas... cosa stai facendo?".
  • Ballas non ha una risposta, solo un altro pugno.

La domanda rauca e angosciata di Franky mi ha spezzato il cuore. È sconvolto dal comportamento di Ballas, dall'inversione crudele del loro amore per l'altro, che è ancora presente in quella domanda e nella violenza esagerata, ma non inusuale, di Ballas.

Ho apprezzato il fatto che nella scena successiva Ballas venga interrogato dai poliziotti, con un audio non diegetico e una musica dronante. Alla fine, sua sorella Natasha si ferma sulla porta della stanza e guarda. Molti film americani trattano la violenza tra amici come una cosa da nulla. Piccoli giganti ci mostra le conseguenze legali, morali ed emotive, enfatizzando queste ultime. Le espressioni di Natasha sono illeggibili, ma non sono ovviamente giudicanti.

Poco dopo la scena con i poliziotti, si verifica un'altra trasformazione e transizione. Franky si trova davanti allo specchio e si valuta, e non si tratta solo del suo aspetto. La lotta e il suo impatto fisico e psichico motivano questa valutazione. Decide di cambiare look ma il modo in cui la scena è illuminata e girata la fa sembrare una transizione spirituale sotto forma di rituale materiale.

Questo è il film più espressivo e intimo, grazie anche al direttore della fotografia Guy Godfree. Anche in questo caso, una colonna sonora ambientale accompagna questa scena piuttosto che un suono diegetico. Immagina come il ronzio dei tagliacapelli possa influenzare il modo in cui riceviamo e percepiamo ciò che ci viene mostrato.

Nota anche come, nonostante l'angustia del luogo, in questi scatti ci siano un primo piano, un medio piano e uno sfondo. La messa a fuoco si sposta per attirare la nostra attenzione, ma le dimensioni o la forma degli oggetti sfocati o delle parti del corpo di Franky attirano l'occhio avanti e indietro nell'inquadratura. Ad esempio, nel primo piano del profilo di Franky che si fa la barba, ci vengono proposti come loci: un orecchio, il ricciolo di diverse ciocche di capelli, una spalla in evidenza, la curva in ombra di un braccio, la fessura di un occhio, il profilo di un naso.

Poi un ciuffo di capelli cade un po' davanti al naso, ma l'attenzione rimane fissa sul volto di Franky. Godfree ha composto queste inquadrature in modo squisito e con un sottile equilibrio di forme e sfumature, con un numero maggiore di curve e cerchi. La maggior parte delle altre inquadrature del film sono piene di blocchi squadrati di luce blu e ombre blu più scure, come si può vedere nella maggior parte delle fotogrammi qui sopra.

In questi scatti, i toni sono ancora prevalentemente blu, ma differenziati dal sottile beige rosato caucasico della pelle di Franky e dal bianco fangoso delle pareti.

Ora che ho rivisto il film per la quarta volta, ho avuto modo di apprezzare non solo i modelli formali della narrazione, ma anche il suo stile. Dopotutto, si tratta di un film d'arte.

5 1 voto
Valutazione dei post
Iscriviti
Notifica di
ospite

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

3 Commenti
I più nuovi
Il più vecchio I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Christopher B.P. Mahoney
Christopher B.P. Mahoney
16 aprile 2020 2:42 PM

Non ricordo di aver letto un pezzo migliore di scrittura cinematografica. Per di più su un film che amo.

Christopher B.P. Mahoney
Christopher B.P. Mahoney
Rispondi a  Il Cinesexual
16 aprile 2020 18:30

È stato un vero piacere! Mi sento fortunato ad aver trovato il tuo sito.

3
0
Cosa ne pensi?x

Lo streaming è disattivato fino al 20.

Chiudi
IT