Risposta al film: 12 anni schiavo

Le tendenze masochistiche e gli impulsi artistici di Steve McQueen non sono adatti al libro di Solomon Northup. Guardate invece Nightjohn.

12 anni schiavo
Diretto da Steve McQueen
134 minuti, USA, 2013

👀 Download migliaia of gay-themed 🏳️‍🌈 movies 🍿 for as little as $20 USD per year. Donate qui. 🔗

Pubblicato originariamente su Letterboxd senza like.

Ora che ho visto Il maggiordomo, Django Unchained (due volte) e questo, l'adattamento di Steve McQueen del romanzo di Solomon Northup romanzo narrativo sugli schiavi che porta lo stesso nomeMa continuo a pensare che il film di Tarantino sia più potente e più intelligente.

Nel suo momento culminante mette due uomini di colore, due rappresentazioni di uomini di colore, due star del cinema nero, l'uno contro l'altro nella casa del proprietario di una piantagione morta. Utilizza anche tecniche moderne e moderniste di pastiche, commedia satirica e autoriflessiva, e lo scontro di vari tropi di genere e anacronismi per strappare il pubblico al presente in un modo che nessuno degli altri due film fa.

Come risultato, Django è riuscito a suscitare un dibattito maggiore rispetto agli altri due, non solo sulla storia della schiavitù negli Stati Uniti e sul modo in cui questa storia viene utilizzata, ma anche sulla gli usi del linguaggio e persino la forma e la storia del cinema. Tutto questo da un film apparentemente "adolescenziale".

Continuerò a in disaccordo su questo.

Il maggiordomo fallisce a causa del suo sentimentalismo da Forrest-Gump della storia (ho particolarmente odiato che l'assassinio di Malcolm X sia diventato una notizia isolata) e della sua curiosa mancanza di passione. 12 anni schiavo fallisce in parte, in modo meno spettacolare, per la sua stretta aderenza al materiale di partenza.

Questa riverenza si traduce in alcune letture di battute stentate e goffe da parte degli attori non all'altezza del materiale. Dà al tono del film una patina antica e letteraria che la cornice del film d'arte contrasta. Il libro è potente non per i suoi stili, dopo tutto, ma per la sua testimonianza. Non sono sicuro che i suoi dialoghi avrebbero dovuto essere ripresi in toto.

McQueen sembra non riuscire a decidere come il suo protagonista debba comportarsi nell'ambiente della schiavitù. Mi riferisco soprattutto alla sua performance durante i primi piani. Questa mancanza di messa a fuoco provoca un effetto di allontanamento, per me comunque, reso ancora più evidente durante la scena in cui Solomon inizia a contemplare la speranza di uscire dalla sua situazione.

In una lunga ripresa che avrebbe dovuto essere potente, McQueen sceglie invece di avere Chiwetel Ejiofor guardano per qualche secondo direttamente in camera, e verso di noi, in una mossa predicatoria, arzigogolata, da scuola di cinema, più semplicistica di qualsiasi cosa faccia Tarantino in Django Unchainedun film che lavora su un loop di sguardo su di noi e di sguardo su se stesso. Lo sguardo di Ejiofor è una rottura radicale che mi ha costretto a considerare la performance stessa fuori dal contesto, e a quale scopo?

Dobbiamo pensare alle nomination agli Oscar?

La macchina da presa di McQueen sembra anche affascinata dalle cicatrici, dal sangue, dalle schiene e dai corpi spogliati degli schiavi. La maggior parte di queste riprese sono terribilmente belle e, ancora una volta, a che scopo? Tutti i film di McQueen hanno una vena masochistica in ogni caso, e in questo film si adatta fin troppo bene all'arco narrativo dei bianchi da salvare.

Al contrario, la completa e coerente erotizzazione del corpo nero di Jamie Foxx in Djangonon solo come schiavo maltrattato che altri schiavi vogliono emulare, ma come soggetto e produttore del suo stile personale e della sua spavalderia da liberato (in tandem con i nostri ineluttabili sguardi di ammirazione), mi è sembrato un processo più onesto e liberatorio (e più divertente e sovversivo) rispetto all'asservimento e al salvataggio di Northup da parte dei bianchi in 12 anni schiavo.

La scena in cui Solomon viene finalmente liberato è drammatizzata in modo poco convincente. Non a caso, la vittimizzazione sessuale di Patsey è solo suggerita nel libro della Northrup. Nel film di McQueen diventa una sottotrama importante e un'occasione per esporre più abilmente l'estrema vulnerabilità delle donne nere.

Sebbene non sia privo di momenti di potenza, suggerirei lettura del libro oppure guardare il capolavoro folcloristico di Charles Burnett Nightjohn.

Inferno, Radici è migliore di questo, così come Mandingo, un film su cui Roger Ebert si era terribilmente sbagliato. Gli Oscar e il Guardian si sbagliano su 12 anni schiavoanche.

5 1 voto
Valutazione dei post
Iscriviti
Notifica di
ospite

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
0
Cosa ne pensi?x

Lo streaming è disabilitato fino al 20 giugno.

Chiudi
IT