Provate questi: sesso gayromanticismotruffatori

nota sul film: Brother Outsider: La vita di Bayard Rustin

Sapevo già che Rustin aveva insegnato a Martin Luther King la non violenza e che era stato il principale organizzatore della prima Marcia su Washington. Ciò che mi fa piacere ricordare, per quanto riguarda quest'ultimo aspetto, è che lo fece su cartoncini 3x5 nella sua tasca posteriore, prima dei computer, prima di Internet. Era anche un cantante di talento, persino un crooner, e un prolifico scrittore di saggi.

Fratello estraneo: La vita di Bayard Rustin
Diretto da Nancy Kates e Bennett Singer
1h 23min; Stagione 15, Episodio 9 di P.O.V.; USA, 2003

Mi ci è voluta un'eternità, ma alla fine sono riuscita ad accaparrarmi una copia di questo libro essenziale. PBS Il documentario sull'organizzatore dei diritti civili Bayard Rustin mi ha risollevato in modi che la spazzatura sopravvalutata che viene propagandata per gli Oscar non potrebbe mai fare.

Sapevo già che Rustin aveva insegnato a Martin Luther King la non violenza e che era stato il principale organizzatore della prima Marcia su Washington. Ciò che mi fa piacere ricordare, per quanto riguarda quest'ultimo aspetto, è che l'ha fatto su cartoncini 3×5 nella sua tasca posteriore, prima dei computer, prima di Internet. Era anche un cantante di talento, persino un crooner, e un prolifico scrittore di saggi. Non mi sorprende scoprire il significato ontologico della sua affermazione durante la prima Marcia LGBT su Washington, secondo cui i diritti degli omosessuali erano diventati il barometro della serietà o meno di un Paese, di un popolo o di un'organizzazione nei confronti dei diritti umani in generale. Rustin era un gay nero dichiarato, un quacchero e un pacifista degli anni Quaranta. Era un individuo singolare. E discusse con Malcolm X fino allo stremo. Non è un trionfo da poco che Malcolm sia diventato più simile a Rustin prima di essere assassinato. Tutto ciò fornisce materiale per questo documentario.

Ma solo 9 persone su Letterboxd hanno visto questo film (aggiornamento: il numero è ora di 60), l'unico documentario su uno dei più importanti attivisti americani della storia. Mi ci è voluto un'eternità per torrentarlo. Sembrava che nessuno volesse vederlo.

Perché?

Questo film non si spinge abbastanza in là nell'esplorazione delle ragioni, ma è suggestivo e va ben oltre il fatto che fosse apertamente gay. La mia sensazione è che Bayard Rustin fosse uno di quei pochi esseri umani la cui moralità e la cui personalità erano legate solo a se stesso, che nessun movimento o organizzazione potesse contenere ciò che voleva essere e fare nella sua vita. Pochi lo hanno capito, anche se molti hanno sentito la sua influenza e si sono affidati alla sua passione. Ha dimostrato che, a prescindere dal proprio impatto sul mondo, bisogna fare delle scelte per diventare una celebrità, e lui apparentemente non lo voleva.

Una delle mie riprese d'archivio preferite del film è Rustin che cammina dietro Joan Baez e Bob Dylan che si esibiscono alla Marcia su Washington. Baez ha perso il suo posto nella canzone. Gli occhi di Dylan sono puntati sul testo davanti a lui. Rustin cammina dietro di loro, fumando una sigaretta, con un sorriso soddisfatto sul volto mentre osserva la folla rispondere.

Amiri Baraka lo definì un pervertito e un complice dei negrieri. Richard Nixon e l'FBI lo consideravano un nemico dello Stato.

È il mio tipo di eroe.

Nota: da quando l'ho postato su Letterboxd nel 2014, senza alcun like, Brother Outsider è diventato disponibile su DVD.

0 0 voti
Valutazione dei post
Iscriviti
Notifica di
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
0
Cosa ne pensi?x

Volete altri film gay?

Chiudi

C'è una vendita! SALDI! Saldi!

IT