Provate questi: sesso gayromanticismotruffatori

Nota sul film: Esteros, ovvero le pressioni e le insidie del genere gay

Quanto sono seri o onesti questi film come biografia o autobiografia, a parte il valore che hanno come arte? Non sono esercizi di narcisismo, e la cultura gay maschile non ne ha già abbastanza?

Esteros
[link affiliato Amazon]
Diretto da Papu Curotto
Argentina, 2016

Datemi pure del poco sentimentale, ma mi sono stancato degli archi narrativi semplicistici di queste fantasie adolescenziali di realizzazione dei desideri così comuni ai GTM: Un gay da adulto ricorda un'esperienza formativa o un'amicizia con un amico apparentemente etero; si incontrano dopo essere cresciuti e, miracolo dei miracoli, l'amico apparentemente etero si rivela essere anche lui gay! O almeno disposto a essere gay una o due volte per questo particolare amico gay. La presenza di un amico etero o ambivalente è un elemento essenziale di questi film, così come l'eventuale crollo della volontà o la resa da parte dell'amico etero o ambivalente. Lo scenario dell'uomo gay come predatore non è considerato omofobico da molti?

Alcuni film eliminano la versione adulta della coppia maschile adolescente, ma il fantasma del futuro passato di quella coppia continua a infestare queste narrazioni. Sono una variazione dello stesso scenario e lo stesso tipo di realizzazione dei desideri. Nel migliore dei casi, si tratta di una proiezione dei registi adulti. Nel peggiore dei casi, si tratta di una revisione personale, ma in un modo che solo i registi conoscono, e come tale è essenzialmente una ruffianeria.

Questo non vuol dire che nessuna di queste situazioni o relazioni sia mai esistita nel mondo reale - certo che sì - ma c'è così poca variazione di questo tema nei film che ci vengono proposti che è difficile per me non essere scettica. Non sto nemmeno dicendo che i film non siano il posto giusto per realizzare desideri o fantasie, ma sono un po' sovraccarica e annoiata dalla prevedibilità di questo particolare sottogenere.

Inoltre, questi scenari monodimensionali limitano le possibilità emotive, sia per i personaggi che per il pubblico, nell'esplorare relazioni di questo tipo e quindi abbassano la posta in gioco. Se l'unica cosa in gioco è se il ragazzo gay avrà o meno il suo uomo, quanto sono seri o onesti questi film come biografia o autobiografia, a parte il valore che hanno come arte? Non sono forse esercizi di narcisismo, e la cultura gay maschile non ne ha già abbastanza?

Ecco un breve elenco di film simili che ho visto di recente, tra cui Esteros, il film in questione, che mostra questa forma narrativa di base. Sono sicuro che ce ne sono altri. Ci sono, naturalmente, differenze stilistiche e tonali significative tra questi film eterogenei, e un paio di essi sono abbastanza buoni per quello che sono.

Hawaii, Marco Berger, Argentina, 2013
Bromance, Lucas Santa Ana, Argentina (di nuovo), 2016
Quand on a 17 ans (Essere 17), André Téchiné, Francia, 2016
Hjartasteinn (Pietra del cuore), Guðmundur Arnar Guðmundsson, Islanda, 2016
Chuck e Buck, Miguel Arteta, USA, 2000

Ho anche guardato il film di Jan Krüger Freunde (Fare clic qui per guardarlo su YouTube), basato su un racconto di A. M. Homes intitolato The Whiz Kids, e sebbene abbozzi questa narrazione di base, senza la coppia di uomini adulti, il film è più precisamente incentrato sul modo in cui le norme di genere influenzano e stilizzano le espressioni del desiderio maschile/maschile, in modo simile alle preoccupazioni di Palestra Bennys e la maggior parte delle opere di Téchiné. Quand on a 17 ans. Quest'ultimo mi ha perso quando i desideri sublimati dei due giovani si sono consumati. Non ci credevo.

Un miglior controesempio e autocritica di questo genere è rappresentato da Miguel Arteta e Mike White. Chuck e Buck. Uno dei motivi per cui il film mi piace così tanto è che ci costringe a provare l'imbarazzo e il disagio che questo scenario di GTM indurrebbe, dovrebbe indurre, nel mondo reale. L'ossessione di Buck per un atto sessuale, un'amicizia intima della sua infanzia, è triste, e la sua inquietante ricerca di riprodurre quell'unico momento perfetto lo trasforma in un mostro, e più precisamente in un mostro infantile.

Quando Buck ottiene ciò che vuole, quando Chuck glielo dà chiaramente come modo per sbarazzarsi di lui o per farlo tacere, il film sventa e soddisfa tutte le aspettative del genere. Anzi, ci sputa sopra. Non sorprende che alla sua uscita sia stato accolto per lo più con confusione o approvazione, e persino con accuse di omofobia.

Per quanto riguarda EsterosNon posso dirvi nulla sulla trama che non sappiate già e, a parte l'isolato screenshot qui sotto, non posso indicare alcuna immagine particolare che mi abbia commosso. Non posso parlare in dettaglio del suo stile, perché non c'è nulla di notevole. È ambientato in Argentina, per quanto possa valere.

Comunque, ecco EsterosDue bellissimi ragazzi, e presentarli qui in questo momento beatifico sembra essere la ragione principale per cui questo film esiste:

E una scena di doccia, per buona misura. È coinvolta anche la schiuma.

Curotto ha anche diretto un cortometraggio intitolato Matías e Jerónimo, sulla stessa coppia maschile, ma leggermente più giovane, presente in Esteroso almeno con gli stessi nomi, ed è molto meglio, in parte perché non segue affatto il prevedibile schema narrativo che ho tratteggiato sopra, ma soprattutto perché è suggestivo ed espressivo (sulle possibilità della sessualità di questi giovani ragazzi, in primo luogo) piuttosto che deterministico, e pieno del colore e del sapore del carnevale argentino:

5 1 voto
Valutazione dei post
Iscriviti
Notifica di
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
0
Cosa ne pensi?x

Volete altri film gay?

Chiudi

C'è una vendita! SALDI! Saldi!

IT