Rewatch: Alcune obiezioni a God's Own Country

Scrivere questo post sul Le migliori scene di sesso gay-maschio nei film degli anni 2010, ho chiesto consigli su Twitter. Qualcuno ha suggerito Il Paese di Dio; così ho dato un'altra occhiata. Sebbene la seconda volta mi sia piaciuto un po' di più questo film preferito dalle folle gay, sono più sicuro di ciò che ancora non mi piace.

Non mi piace il netto contrasto di profondità tra le due caratterizzazioni e i fini a cui viene sottoposto il personaggio scarsamente tratteggiato. Direttore Francis Lee scrive Johnny, il nativo Yorks come un personaggio pienamente realizzato con un arco narrativo. Lee scrive Gheorghe come dispositivo per far cambiare Johnny. Non esiste al di fuori di questo scopo, se non come tipo. Questo non mi piace, forse perché mi sono piaciuti molto i rumeni che ho conosciuto. Forse perché penso che gli uomini rumeni che fanno sesso con gli uomini meritino storie più forti, o addirittura storie proprie.

I momenti più scialbi del film si verificano quando la relazione tra i due cambia, facendo perno sul fatto che Johnny pronuncia un insulto etnico, gypo, suggerendo che il suo bigottismo sopprime la sua attrazione per Gheorghe. Altre due scene simili mi hanno fatto rabbrividire. Gheorghe prende in giro Johnny chiamandolo "mostro" e "frocio". Questo dovrebbe sembrare ironicamente carino e un legame adolescenziale, credo, ma per me ha rappresentato una scrittura infantile. Lee era particolarmente orgoglioso di questa parte, perché viene ripetuta.

Quindi alcuni aspetti del comportamento e della storia di Gheorghe erano troppo convenienti e stereotipati. Tuttavia, ci sono alcune osservazioni positive. I romeni non romeni in genere odiano essere chiamati zingari. Anche se ci sono ovviamente rom rumeni, i romeni nazionali sono i romani originali e ve lo diranno ogni volta che ne avranno l'occasione. I rumeni sono particolarmente ospitali; gli uomini cucinano per gli ospiti almeno altrettanto spesso delle donne, secondo la mia esperienza.

Non so se sia un punto di forza o di debolezza il fatto che la sceneggiatura non chiarisca se Gheorghe sia rom o meno. Nel contesto dei sentimenti repressi di Johnny non ha importanza. (Ha invece importanza se riflette accuratamente il suo razzismo e la sua xenofobia). Ma perde anche l'occasione di rendere Gheorghe più solido come personaggio.

Altre cose mi sono sembrate fuori luogo. La madre di Gheorghe insegna inglese, ma lui è cresciuto in una fattoria? I rumeni che sono cresciuti in una fattoria di solito non ce la fanno. Se lo fanno, probabilmente c'è una storia interessante. Ma non la sentiremo in questo film. Questi dettagli "colorati" sostituiscono una storia vera e propria e sembrano piuttosto schizzi di vernice che sostituiscono un ritratto più completo.

Questi possono sembrare piccoli tasselli mancanti del quadro generale, ma contribuiscono a creare rappresentazioni false o semplicistiche e a risoluzioni narrative approssimative. Al contrario, mi piace il modo in cui l'immigrato siriano Tareq lascia in Un momento nel canneto e non torna, non perché non provi alcun sentimento per Leevi, la nativa Fin, ma perché ha un suo potere e una sua vita. Questa scelta di trama si riflette bene sulla disciplina scrittoria del regista Mikko Makela ed è in sintonia con la sceneggiatura e la regia ossessiva di vita vissuta momento per momento del film.

Questi due film hanno approcci molto diversi al realismo e queste differenze si riflettono nel modo in cui le narrazioni si svolgono. In GOCGheorghe se ne va impulsivamente (e quindi in modo inusuale) quando Johnny fa sesso veloce nella toilette di un pub con un gemello in visita. Johnny parte alla ricerca di Gheorghe e lo riporta indietro, con la sua famiglia che lo sostiene nella sua ricerca. Quest'ultimo punto della trama mi è sembrato quantomeno improbabile, soprattutto considerando quanto i genitori di Johnny siano stati indifferenti alla sua autonomia o alla sua realizzazione. Sembrava che per loro esistesse solo come farmhelp. Il fatto che abbiano riconosciuto la sua relazione omosessuale con un immigrato mi è sembrato inverosimile. Anche il ritorno di Gheorghe, nonostante la sua iniziale riluttanza, mi è sembrato una risoluzione forzata, alimentata dall'esaudimento di un desiderio. Jack Twist non fosse morto, forse.

Tutte queste manovre vanno contro lo stile del film, che definisco realismo romantico. Nel momento in cui il film dichiara silenziosamente il suo titolo, mentre Gheorghe conduce Johnny sulla cima di una collina con il bellissimo paese di Dio che si estende davanti a loro, non avrei potuto essere meno coinvolto nello sviluppo della relazione. Se avessi potuto entrare nel film suggerito da questa inquadratura, l'avrei fatto. La maggior parte delle inquadrature espressive del film, come le pose di intimità post-sessuali, completamente nude e bloccate, mi sono sembrate analogamente non integrate, goffe e prive di slancio.

Inoltre, nessuna delle scene di sesso mi ha commosso. Gheorghe sembra osservare piuttosto che impegnarsi. Josh O'Connor sembra che stia provando un pezzo di performance art piuttosto che simulare il sesso. Capisco che la disperata presa di Gheorghe da parte del personaggio indichi il suo tentativo di afferrare e mantenere l'intimità, ma tutto ciò che mi è sembrato e mi sembra è una presa di posizione, non la materializzazione delle emozioni coinvolte. Incolperò Francis Lee piuttosto che O'Connor, che per il resto è meraviglioso.

Il che mi porta al punto finale: O'Connor interpreta l'alcolismo del suo personaggio così bene e con la giusta dose di abiezione bavosa che la sua completa elisione ed espulsione alla fine del film, presumibilmente perché ha trovato l'amore e lo scopo con Gheorghe e quella fottuta fattoria, sembra facile e scadente. Chiunque abbia conosciuto un alcolista riconosce i comportamenti mostrati nel film? L'amica di Johnny, Robyn, lo ha fatto di sicuro, e questi comportamenti non scompaiono solo perché si trova un fidanzato. Anzi, le relazioni di solito esacerbano i sintomi. Come ho detto in la mia risposta precedenteÈ una pessima scrittura e permette di sacrificare il personaggio per accontentare il pubblico.

Alla faccia del realismo.

Nessuna inquadratura di braccia su per il culo delle mucche mi farà credere a molto di quello che succede tra i due uomini in Il Paese di Dio.

Correzione:

In una versione precedente di questo post, la sceneggiatura è stata criticata per aver fatto credere che, appena sceso dal treno, Gheorghe non avesse problemi a capire l'accento di Johnny. (Mentre vivevo a Praga, ho incontrato decine di uomini rumeni. Nessuno di loro aveva un accento britannico quando parlava in inglese, mentre tutti lo avevano in una certa misura. La maggior parte di loro imitava l'accento americano e si lamentava di come parlavano i miei amici inglesi. Quindi penso ancora di aver fatto un'osservazione corretta, ma le argomentazioni di supporto che ho usato inizialmente erano pretestuose. Quindi ho rimosso quel paragrafo.

4 1 voto
Valutazione dei post
Iscriviti
Notifica di
ospite

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
0
Cosa ne pensi?x

Volete altri film gay?

Chiudi
Film gay completi gratuiti da scaricare
IT