Analisi del film: Django Unchained o Non è un gran film se non sai dire la parola n.

Prima di vedere l'ultimo controverso film di Quentin Tarantino pensavo di aver visto l'opera cinematografica che conteneva il maggior numero di utilizzi della parola negro o negro, une che non sarebbe stato proprio di Tarantino Jackie Brownma piuttosto una qualsiasi pubblicazione casuale da parte di un sito porno gay con uomini di colore e blatinos chiamato Gangster gay ("il sito numero uno online per i gangster neri hardcore che si scopano a vicenda e anche per alcuni ragazzi bianchi sexy").

In questi scenari sessuali minimalisti, la parola è usata in modo provocatorio, come una sorta di sfida maschile a raggiungere nuove vette di prodezza e adorazione sessuale, come un complimento, o a volte in modo tenero come per un compagno,

Poi ho visto questo episodio della serie animata, Boondocks, talmente controverso che non è mai andato in onda durante la stagione regolare dello show.

In questo ep, le bombe n, come Davey D vengono pronunciate così spesso dai detenuti di una prigione, che stanno anche conducendo un programma "Scared Straight" con i due giovani protagonisti dello show, che non sono sicuro che sia possibile contarle tutte e ridere a crepapelle, cosa che ho fatto quando l'ho guardato. Gli effetti della parola in questo episodio sono inizialmente scioccanti, poi comici, a causa della sua rapida pronuncia, del tempismo, del contesto satirico della storia stessa.

Di recente ho anche finito di leggere Samuel R. Delany's Attraverso la valle del nido di ragni in cui la parola negro è usato dai suoi personaggi tante volte quante le opere cinematografiche sopra citate messe insieme. Ma non una volta, che io ricordi, la parola trasmette ciò che si potrebbe semplicemente chiamare razzismoo denigrare in modo semplicemente peggiorativo.

Per esempio, un ragazzo muscoloso dall'aspetto caucasico che ha un padre nero e una madre bianca si arrabbia ogni volta che la sua amante dalla pelle chiara, e il padre bianco di quel personaggio, lo chiama "un". negroun'area di un cinema porno frequentata da ragazzi di colore e dai loro ammiratori è chiamata "zona di sesso". Il paradiso dei negri; la maggior parte dei personaggi di colore si riferiscono casualmente l'uno all'altro come negri o negri; eppure, il luogo in cui vivono è stato creato come una sorta di utopia per gli uomini gay di colore. Delany ha detto in più di un'occasione che la razza non esiste, ma solo la classe (o il genere).

(Per una riflessione tipicamente riflessiva su razza e identità, leggi questa intervista.)

Ad ogni modo, è evidente che la parola non è proibita in tutti i contesti e non ha lo stesso significato in tutti gli usi, e molto dipende da chi la pronuncia.

La gara come performance

Il discorso dice: "Tu sei". La retorica preserva la libertà di dire: "Io non lo sono".
Ghiacciom Visioni più lunghe: Saggi estesi di Samuel R. Delany

[link affiliato]

Sono rimasto sorpreso di scoprire, anche se non avrei dovuto, che molte persone si sono fatte delle gran risate guardando Django Unchainedanche, e quella parola è stato uno dei principali istigatori. Si può leggere un resoconto di ciò qui.

Anch'io ho trovato il film divertente, anche se non tanto, e non di poco, quanto Lo sciopero della fame - ma ricordo solo una volta di aver riso per una battuta che utilizzava la parola negro e fu allora che, durante il momento culminante del film, Django e Stephen, interpretati rispettivamente da Jamie Foxx e Samuel L. Jackson, si affrontano. Django ha una pistola, ma Stephen, senza armi, pensa di aver finito le munizioni:

Conto 6 colpi, negro.

Django: Conto due pistole, negro.

Le battute sono divertenti, ma perché? Sarebbe stato altrettanto divertente senza la n-word che scandisce le affermazioni? Forse, ma non sarebbero state altrettanto incisive.

L'impostazione di questo scambio è Django che chiede a Stephen cosa ne pensa dei "nuovi abiti" di Django: "Sai, prima d'ora non sapevo che il bordeaux fosse il mio colore". Stephen getta via il suo bastone, come un oggetto di scena di cui apparentemente non ha più bisogno, insieme al suo pesante e ossequioso accento "negro", di cui non ha più bisogno dal momento che tutti i bianchi per cui si esibiva sono morti, e pronuncia la sua battuta.

Quindi, questa scena ritrae due personaggi rivali come performer, in costume, un attore nero in "black-face" (Jackson avrebbe insistito per rendere la sua carnagione più scura), l'uno di fronte all'altro come performer e che si ricordano l'un l'altro che stanno recitando utilizzando la parola negro.

Django è stato mostrato per tutto il film in un costume o in un altro. Inizia indossando pochissimo come schiavo di una banda - a piedi nudi, a torso nudo, con un abito naturale sgualcito - poi finisce per scegliere un abito a balze per interpretare il ruolo di cameriere di Re Shultz - e viene preso in giro per questo da una donna schiava in una piantagione - poi sceglie un abito più utilitaristico per il suo lavoro di cacciatore di taglie.

L'abbigliamento, che prevede cappello basso, pantaloni aderenti e giacca, mi ricorda quello che Il piccolo Joe avrebbe indossato su Bonanzae che ha stimolato la mia giovane immaginazione gay, viene introdotto iconicamente per i suoi riferimenti generici agli eroi degli spaghetti western, che rappresentano "cool" per alcuni, "sexy" per altri.

In tutte queste situazioni, il costume che Django indossa accompagna il movimento del suo personaggio attraverso la narrazione. È l'unico personaggio in grado di togliersi abiti e accessori per cambiare il modo in cui viene percepito. Anche quando è quasi nudo all'inizio del film, il fatto che si tolga un sottile involucro riservato agli schiavi è un atto di autoconsapevolezza, che rivela una schiena nera e muscolosa. Pochi minuti dopo, i suoi compagni di schiavitù imitano lo stesso movimento, ma con un effetto diverso, per lo più comico, ma anche aspirazionale.

Ho letto molte delle risposte a Django e alcuni di essi sono interessanti e utili, in particolare il potente saggio di Jelani Cobb sul New Yorker, Tarantino Unchained.

Tuttavia, scrive alcune cose che trovo spurie, ma nessuna più curiosa di questa: "Al pubblico non è stato chiesto di sospendere l'incredulità, ma di sospendere la coscienza". In che modo si chiede al pubblico di sospendere la coscienza non viene spiegato esplicitamente in questo paragrafo, ma più avanti Cobb chiarisce la sua principale obiezione al film:

La prima di queste preoccupazioni è la frequenza con cui Tarantino usa la parola n. Se mai ci fosse un caso in cui il termine fosse storicamente appropriato, sembrerebbe che un western ambientato sullo sfondo della schiavitù - un sudista - lo sarebbe. Eppure il termine appare con una tale insensibile frequenza che "Django" riesce a elevare l'epiteto al livello di un pronome (mi chiedo se la parola "negro" sia pronunciata nel film più spesso della parola "lui" o "lei"). Se la parola fosse apparsa più spesso, avrebbe dovuto essere messa in conto come co-protagonista. A un certo punto, diventa difficile non chiedersi quanto tutto questo riguardi il film e quanto il regista. Data l'importanza della parola in "Pulp Fiction" e "Jackie Brown" - che non toccano lontanamente il tema della schiavitù - il suo uso in "Django" inizia a sembrare un ventriloquio razziale, una sorta di camuffamento che permette a Tarantino di usare la parola senza recriminazioni.

Tralasciando l'idea che qualsiasi film che abbia come protagonisti degli afroamericani possa mai prescindere completamente dalla schiavitù, Tarantino non sta usando la parola, ma i suoi personaggi sì, e la usano in modi molto specifici che chiariscono e mettono in discussione cosa significa pronunciare questa parola.

Ma, ventriloquismo razziale? Suvvia. Cobb è molto vicino a dare del razzista a Tarantino e penso che dovrebbe dirlo se è questo che intende. La prova, come tale, è la frequenza del termine negro.

Almeno Spike Lee è stato più diretto quando ha definito Samuel L. Jackson un "schiavo di casa che difende il suo padronedopo che Jackson ha difeso l'uso della n-word nei film di Tarantino. Interpretare Stephen deve essergli sembrato una replica deliziosamente ironica.

Huckleberry Finn è un libro antirazzista. Twain usa negro 215 volte.

Ma a prescindere dal fatto che qualcuno ritenga o meno che Tarantino sia una sorta di subdolo razzista, la frequenza insensibile della parola è ciò che rende il suo uso nella sceneggiatura di Tarantino radicale nel contesto, rispetto ad altri suoi film che non "toccano la schiavitù".

La sua ubiquità rende chiaro lo sfondo discorsivo su cui si svolge la narrazione della vendetta di Django: L'istituzione della schiavitù che diceva, in continuazione, ogni minuto di ogni giorno: "Sei un negro, un oggetto costruito, disciplinato, plasmato, comandato, scambiato e di proprietà dagli uomini bianchi.

Quando Django, contestato da King Shultz per la sua interpretazione sopra le righe di un negriero nero, dice che sta solo facendo quello che deve fare per convincere il negriero bianco Mr. Candie, interpretato con la giusta dose di folle e malvagia stupidità da Leo DiCaprioe che si sta solo "sporcando", il costo morale per il personaggio è sempliceIl tema della violenza, trasmesso con forza dall'interpretazione sofferta e concentrata di Foxx, non è sminuito o banalizzato dall'uso della parola negro viene portato a casa. Immagina che farsa sarebbe il film senza questa parola.

Ma soprattutto, Django si oppone costantemente a questo discorso? non quella parola, almeno non quella parola così come viene pronunciata dai bianchi. Ma non lo è nemmeno il personaggio, Stephen, che abbraccia la sua versione distorta dello stereotipo del "bianco". negro della casa, che vede ciò che il padrone non vede, lo manipola per la sua ignoranza ed è persino in grado di firmare assegni per lui in una breve scena spesso ignorata dai recensori. Stephen ha raggiunto un certo potere, compromesso certo, ma un compromesso che ha comportato per lui un costo morale altrettanto evidente.

È problematico rappresentare la resistenza alla schiavitù americana come una lotta tra due tipi di uomini neri, entrambi indicati come negri da uomini bianchi e che usano essi stessi una variante della parola, ed è qui che la critica di Cobb al film è più forte.

La lotta storica contro la schiavitù è stata intrapresa e sostenuta principalmente, se non esclusivamente, dagli schiavi. Ho capito, ma non credo proprio che qualcuno, non un razzista, non chiunque, uscirà da questo film credendo che esso rivendichi l'accuratezza storica, o che sia stato istruito. Questo film riguarda il modo in cui parliamo di razza e schiavitù. ora, nella cultura pope nella misura in cui asseconda e utilizza le mitologie, credo che lo faccia in modo serio.

In effetti, per quanto mi riguarda, questa è la prima serio Il film di Tarantino che ho visto. Mentre tutti gli altri suoi film sembrano assecondare la "patata da divano" o la "quattordicenne regina dell'armadio" che c'è in ognuno di noi, come critico cinematografico Jonathan Rosenbaum ha dettocon le loro strizzate d'occhio ad altri film, show televisivi, registi di genere, movimenti di macchina autocoscienti che ci ricordano altri registi, generi e stili, oltre a un sacco di vuoto "cazzeggio" con strategie narrative non lineari o ellittiche,

Django è per la maggior parte una narrazione lineare vecchio stile che, sì, fa riferimento ad altri generi e stili e ne prende in prestito, ma questo è il primo film di Tarantino che mi ha fatto pensare a qualcosa di diverso da questo.


Accolgo con piacere commenti e osservazioni su questo post e sul film stesso, perché c'è davvero molto altro da discutere. Questo post è solo un'indagine preliminare. Nel frattempo, andrò a guardare il secondo episodio di Radici, Il fantasma che sedeva accanto alla porta, oppure Superfly. #BHM

Per una lista di articoli che ho letto o di video che ho visto pensando a questo film, guardate qui la mia pagina di tag Django su diigo.

5 1 voto
Valutazione dei post
Iscriviti
Notifica di
ospite

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 Commento
I più nuovi
Il più vecchio I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
1
0
Cosa ne pensi?x

Lo streaming è disattivato fino al 20.

Chiudi
IT