Crescere e diventare più gay: Una risposta personale a Gli Ombrelli di Cherbourg

Ho provato per la prima volta a guardare Gli Ombrelli di Cherbourg alla fine degli anni '90. Non sono sicuro del formato con cui lo guardammo. Forse era una VHS e forse non era la versione restaurata del 1992. Io e la mia migliore amica ne avevamo sentito parlare bene e guardavamo sempre i film insieme. (Ricordo di aver discusso animatamente su Touch of Evil mentre tornavamo a casa in bicicletta dopo aver visto la versione restaurata al Music Box di Chicago. A me era piaciuto molto. Lui pensava che fosse noioso). Dopo circa 15 minuti in cui abbiamo ascoltato ogni linea di dialogo cantata, ci siamo girati l'uno verso l'altro e abbiamo iniziato a ridacchiare.

👀 Scaricare migliaia di film 🏳️‍🌈 a tema gay 🍿 per appena $20 USD all'anno. Donate qui. 🔗

Non ne potevamo più, o non ne potevamo più in quel momento, come diceva il mio amico. Eravamo checche punk rock, ascoltavamo Huggy Bear e Bikini Kill, noise rock sperimentale come le Scissor Girls e rock brutale e minimalista come gli Shellac. Il mio amico faceva parte di una band simile agli Shellac. Spesso dicevo di non essere una checca da teatro musicale, anche se il mio ragazzo lo era. Mi sembrava una distinzione importante da fare allora, un'affermazione e un indicatore di un'identità suddivisa e ribelle all'interno di una sottocultura.

Non ho più provato a guardare Umbrellas fino a ieri sera, quando mi sono commossa dopo che Guy ammette il suo amore per Geneviève mentre parla con la sua madrina, Elise. Anche Elise inizia a piangere. Mi hanno commosso molte altre cose, anche elementi formali, come il passaggio da Guy e Geneviève che si abbracciano per strada mentre pianificano il loro futuro a un lento dolly-in per un abbraccio simile in un caffè. A volte mi sono lasciata distrarre dalla vivace carta da parati floreale che ricopre tutto il film, mentre avrei dovuto guardare gli attori, ma ho studiato i cambi di acconciatura del bel Nino Castelnuovo, che interpreta Guy, e ho continuato a chiedermi quali fossero le parrucche di Catherine Deneuve. È un film che sembra invitare simultaneamente alla contemplazione della sua artificiosità, attirandoti e mettendoti in difficoltà allo stesso tempo.

La maggior parte di ciò che chiamiamo gusto può essere attribuito al semplice piacere di ripetere il riconoscimento di uno schema ed essere umani, non volendo che queste aspettative vengano sconvolte o messe in discussione. E sai cosa? Le persone che si considerano ribelli culturali sono spesso piuttosto conservatrici quando si tratta di generi, in particolare i punk che invecchiano. Ad ogni modo, Umbrellas (e i musical in generale) era una sfida che non ero disposto ad affrontare qualche anno fa. Alla fine è stato piacevole come il ritornello. Sono felice di essere cresciuto e di averla superata. (Tuttavia, amo ancora il noise rock).

I will say that the final scene and especially the final shot has to be one of the saddest I’ve ever seen in any movie of any genre. Geneviève and Guy meet for one last time “by chance,” but Guy never meets his kid, doesn’t want to. We never even get a clear shot of her, sitting in the car by herself waiting for mom. The stark lights and snow of that Esso station, so fucking cold and white.

0 0 voti
Valutazione dei post
Iscriviti
Notifica di
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
0
Cosa ne pensi?x
IT